“È un concerto che prende corpo dal disco “tredici canzoni urgenti”, canzoni di carattere civile che rispondono a un fenomeno – racconta Capossela. Come diceva Benjamin “Quando la politica diventa spettacolo – spesso incivile – allora lo spettacolo deve diventare politica civile”. Allo stesso tempo è un concerto che ha che fare con la sospensione dell’incredulità, quindi col mondo dell’immaginazione, perché l’immaginazione è la nostra grande opportunità di trasformare i limiti in possibilità. Abbiamo chiamato questa serie di concerti in teatro “con i tasti che ci abbiamo”. Quando mancano dei tasti dal pianoforte bisogna cercare melodie con quelli che sono rimasti. Il nostro concerto vorrebbe essere un invito a fare con quello che si ha, a fare dei limiti una possibilità e soprattutto a non avere paura di sbagliare”.

L’urgenza su cui è costruito l’impianto musicale e scenico di questo spettacolo è quella di provare a ritessere le fila di una socialità condivisa, risposta all’atomizzazione, all’individualizzazione del nostro vivere sociale. Rappresentare le canzoni urgenti in un concerto per il cantautore è il tentativo di arricchirle di un’esperienza “comunitaria”.

“La musica si fa insieme, ogni canzone viene completata dall’ascolto, l’esecuzione dal vivo, il fatto di essere insieme è un fatto anche questo civile, corale, organico. Anche la scenografia che abbiamo pensato è una specie di anfiteatro quasi a completare l’abbraccio del pubblico. Lo spettacolo inizia da un divano. Un divano su cui ci siamo un po’ tutti seduti e che è una sorta di totem della nostra condizione. Da lì ci rialziamo e affrontiamo una lunga carrellata di canzoni che hanno a che fare con diverse urgenze a partire da quelle che abbiamo dentro, perché spesso il nemico lo si pensa sempre fuori, ma invece il nemico, le cose sbagliate, le conseguenze della nostra cattiva educazione sono dentro di noi”.

Protagonista assoluta della scenografia che caratterizza lo spettacolo è un’enorme luna gonfiabile, che funge sia da mimesi della luna che da luna giocattolo. Una luna magnetica, che sprigiona la sua forza sui sogni, che attira a sé i fluidi e il senno. Una luna che rischia di cadere sulle nostre teste per quanto è appesantita dalla la discarica delle nostre vanità, ma che allo stesso tempo risuona da sempre di tutte le fantasticazioni umane.

“Una grande luna, come quella che si era immaginato Ariosto, cui il poeta ha dedicato quella straordinaria metafora per cui il senno è andato sulla luna, ma sulla luna ci sono anche tutte le cose per cui gli uomini perdono il senno sulla terra: le vanità, il potere, la seduzione. Ecco li abbiamo tutti in una bella luna gonfiabile, alla fine la facciamo scoppiare e così torniamo a terra dove si sa che non è rimasto altro che follia”.

#conitasticheciabbiamotour

 

DATE

TRAILER

OSPITI

08/10 – Carpi – Mara Redeghieri
10/10 – Ferrara – Ellade Bandini
12/10 – Napoli – Andrea Tartaglia e Daniele Sepe
13/10 – Roma – Margherita Vicario
14/10 – Roma – Raiz
16/10 – Ravenna – Antonio Gramentieri
17/10 – Ravenna – Nadia Addis
19/10 – Torino – Gianluca Senatore Aka Cato
02/11 – Isernia – Antonello Iannotta e Luca Casbarro
06/11 – Bologna – Jimmy Villotti
07/11 – Bologna – Daniela Pes e Vincenzo Vasi
12/11 – Firenze – M° Federico Maria Sardelli
13/11 – Milano – Cesare Malfatti, Enrico Gabrielli, Fan Fath Al
15/11 – Parma – L’Orchestra Pistapoci e Coro Dei Malfattori
18/11 – Padova – Sir Oliver Skardy
20-21/11 – Genova – Filoq e Chiara Ragnini
28/12 – Sassari – Daniela Pes
30/12 – Cagliari – Benito Urgu

Radio ufficiale del tour

OSPITI

CREDITS

 • Vinicio Capossela voce, pianoforte, chitarra, fisarmonica   • Andrea Lamacchia contrabbasso, basso elettrico, synth bass, rumori vari, cori   • Piero Perelli batteria, percussioni, cori   • Daniela Savoldi violoncello, guiro, voce, cori   • Alessandro “Asso” Stefana chitarre, campionamenti, armonica, tastiere, pianoforte, cori   • Raffaele Tiseo violino, ribeca, tastiere, pianoforte, cori, arrangiamenti e direzione musicale   • Michele Vignali sax tenore, sax baritono, flauto, clarinetto, cori   • Luca Sebastiani ideologo   • Taketo Gohara ingegnere del suono, fonico di sala   • Gianluca Cavallini fonico di palco   • Francesco Trambaioli disegno luci, scenografia   • Daniele Serra operatore luci   • Elia Francinelli, Irene Palombelli (Mavranyma) abiti di scena   • Michele Montesi preproduzione, allestimento   • Andrea Ricci “Supersonico” direttore di produzione   • Fulvio “Muf” Bufardeci assistente di produzione   • Donatello Racina produzione in venue   • Alberto De Grandis, Paolo Marani backliner, tecnici di palco   • Nicola Pugliese, Luca Zucarello, Davide Vassalli P.A. Man   • Mimmo Casadei, Andrea Calabrese elettricisti   • Samall Ali driver, merchandising   • Franz Cattini (Imarts) impresario   • Serena Sgarbi (Imarts) booking, produzione e logistica   • Benedetta Cappon relazioni esterne   • Giulia Di Giovanni, Giulia Zanichelli (GDG press) ufficio stampa   • David Ardito – Damedia social media manager   • Michele Piazza foto, video e clip promozione   • Luca Bernini coordinamento comunicazione   • Irene Sciacovelli (La Cupa) assistente alla realizzazione, logistica, aiuto help!   • Franco Bassi consigli, entusiasmo, amministrazione   • Avv. Patrizio Visco consulenza legale e musicale   • Warner Music Italy promozione discografica, consigli, supporto

SCALETTE

GALLERY

@luigizannato
TAM • Teatro Arcimboldi Milano – 13/11/2023