Vinicio Capossela | Quando ogni cosa era al suo posto.
55178
post-template-default,single,single-post,postid-55178,single-format-standard,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,vinicio_cupa01-ver-1.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

Quando ogni cosa era al suo posto.

Era lì che volava il grande tacchino d’oriente, il vicciofatuo vanaglorioso, cantava il canto della purezza perduta.
Quando ogni cosa era al suo posto.
V.
Foto: Enrico De Luigi

#sponzfest17

Tags: