Vinicio Capossela | I cerini di Santo Nicola
55650
product-template-default,single,single-product,postid-55650,eltd-core-1.0.3,woocommerce,woocommerce-page,columns-4,type1,ajax_fade,page_not_loaded,,vinicio_cupa01-ver-1.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
cerini3

I cerini di Santo Nicola

€12,00

Description

Disponibile la versione classica de “I cerini di Santo Nicola”
Inedizioni Frittflacc Etcetera a tiratura limitata di 999 copie numerate a mano con dorso in carta vetrata ESAURITA.

Categorie: , Tag: , ,
Racconto infiammabile per voci, suoni e canzoni

Libro – Inedizioni Frittflacc Etcetera 2017

Inedizioni Frittflacc Etcetera a tiratura limitata di 999 copie numerate a mano con dorso in carta vetrata ESAURITA.

“Sono passati 15 anni da quando nel periodo del natale 2002, con Jacopo Leone e Francesca Leoncini giocammo a inventarci un protettore delle vittime dei propri errori, un protettore degli scappati di casa, di quanti hanno perso il ritorno, di quanti sono migrati e restati nell’orbita del magnete della stazione centrale senza più andarsene.
Lo eleggemmo nella figura di un santo emigrante, ai nostri occhi scalcinato, di nome Nicola, come molti degli emigranti meridionali che ci si erano affidati.
Parente di quel Nicolaus, che fu il primo portatore di doni, e che poi si fece poi rubare il mestiere da Babbo Natale.
Si è fatto portare via tutti i regali volentieri, perché dei desideri di grandi e bambini non si fida: sono infiniti e mutevoli, e anzi ammonisce di fare attenzione a quel che si desidera che poi magari è capace che si avvera.
Si è tenuto da parte un solo dono, dei cerini di legno, una cosa da niente che però compie un grande miracolo: dona la capacità di sapersi parlare, dona la possibilità del racconto e perciò della com-passione, della com-prensione.
La capacità di vedere nelle disgrazie degli altri anche le nostre e dunque assolversi e essere in qualche modo fratelli: tutti disgraziati alla pari.
La pioggia si è fatta neve e non ferisce ma bagna…l’incantesimo del fuoco e del racconto nella stagione dell’inverno, necessario perché, come dice il santo, chi è solo se ne accorge a Natale.

VINICIO CAPOSSELA