Vinicio Capossela | 2016
53075
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-53075,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,vinicio_cupa01-ver-1.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
Canzoni della Cupa
Femmine

FEMMINE… FEMMINE… FEMMINE…


Che andate a lu tabacco
femmine che andate a lu tabacco
e che partite due
e che partite due e tornate quattro

FEMMINE… FEMMINE…

La ditta non li dà, la ditta non li dà
la ditta non li dà li telaietti
la ditta non vi dà i telaietti

FEMMINE… FEMMINE…

Che piantate lu tabacco
che piantate lu tabacco
e il sole è fatto alto, e il sole è fatto alto
e ve lo secca tutto, e ve lo secca tutto

FEMMINE…

Il sole è fatto alto e ve lo secca tutto

FEMMINE… FEMMINE…

Che andate alla vendemmia
e andate a vendemmiare
e sotto lo cippone e sotto lo cippone
e sotto lo cippone ve la facete fare,
ve la facete fare

FEMMINE… FEMMINE… FEMMINE…

Che andate per le olive,
pulitele più spicce, pulitele più spicce,
cernitele più fitte, cernitele più fitte
in mezzo all’aia
cernitele più fitte, cernitele più fitte,
cernitele più fitte in mezzo all’aia

FEMMINE… FEMMINE… FEMMINE…

Chi è che ve l’ha detto, che vi ha detto,
vi ha detto di piantare patate americane,
che lavorate sempre e non buscate pane
e lavorate sempre e non buscate pane

FEMMINE…

Femmine che andate a lu tabacco
che andate a lu tabacco, che andate a lu tabacco
e che partite due e tornate quattro
e che partite due e tornate quattro

FEMMINE… FEMMINE… FEMMINE…

Che lavorate sempre, che lavorate sempre
e non buscate pane e non buscate pane
e non buscate pane e non buscate pane

FEMMINE… FEMMINE… FEMMINE…

Che lavorate sempre e non buscate pane
e lavorate sempre e non buscate pane

FEMMINE…
Il lamento dei mendicanti

Fate la carità a questi pezzenti
che quello che ci date noi prendiamo
quello che date a noi va per i morti
rinfrescate le anime del purgatorio


I poveretti tutti ce l’hanno data
i ricchi non hanno buttato neanche un tozzo
o Gesù Cristo mio tu l’hai fa murì
i ricchi il pane a noi non ce l’hanno dato

Il sacco ora s’è pieno, noi ce ne andiamo
i figli a noi ci aspettano e la fame
i cani tirano verso le case nostre
i figli vogliono il pane, hanno a mangiare

I cani non ce la fanno più a tirare
il polverone ceca gli occhi ai cani
siamo rimasti soli al mezzo della via
nessuno più ci può aiutare
nessuno più ci può aiutare

E siamo già arrivati alle mura nostre
i figli ora ci vengono ad affrontare
le mani dentro il sacco buttano sul pane
mangiate figli miei
fino a quando vi saziate
mangiate figli miei
fino a quando vi saziate

Fate la carità a questi pezzenti.
La padrona mia

E come pare la Padrona mia
quando si mette la sua veste nuova
mi pare una palomba quando vola
e vola intorno alla sua massaria


I capelli ha coi ricci in fronte
le ridono sugli occhi e sulle guance
pare essere che sia nata selvaggia
che il vento la solleva e la maneggia

Quando cammina scuote il petto tondo
quei fianchi ondeggiano nell’andatura
mi scioglie il cuore in petto questa creatura
quando si china io non ho più cura

E quando va per l’acqua giù alla fonte
l’amore vuole fare con l’amante
e alza il petto e scuote la fronte
quello che lei gli fa lui solo sa…

E come pare la Padrona mia
quando si mette la sua veste nuova
mi pare una palomba quando vola
e vola intorno alla sua massaria

Strum.

E quando va per l’acqua giù alla fonte
l’amore vuole fare con l’amante
e alza il petto e scuote la fronte
e hiii…

E come pare la Padrona mia
quando si mette la sua veste nuova
mi pare una palomba quando vola
e vola intorno alla sua massaria

Una volta che la vidi sola
così come la fece la natura
distesa se ne stava e pensierosa
da allora il petto mio più non riposa (2)
ume
Dagarola del Carpato

Dagarola del Carpato
tutti i ricci se li è scippati
per Liberto che era malato
per Liberto che era malato


Non cantate a Dagarola
non cantate a Dagarola
non cantate a Dagarola
se no vi sparo con la pistola.

Se ne andava in riva a Cortino
con un tozzo di pane in seno
se ne andava in riva a Cortino
con un tozzo di pane in seno

Ora al fiume scende la mamma
mamma mamma che fa Liberto?
figlia mia cosa vuole fare,
ora lo vogliono solo estremare
figlia mia cosa vuole fare,
ora lo vogliono solo estremare

Tutte e due con la fronte al muro
tutte e due con la fronte al muro
piange la mamma e pure la figlia
piange la mamma e la figlia pure

Ora arriva zia Luigia Stanco
tutt’e due smettetelo il pianto
ora arriva zia Matuccia
se muore Liberto ti pigli a Vituccio

E none e none e none
è per Liberto la passione (2)

Se ne andava muro muro
per non farsi vedere dai cantatori
se ne andava ringhiera ringhiera
per non farsi vedere dai carbinieri

Se ne andava a messa mattina
senza collane e senza orecchini
se ne andava a messa cantata
come una vacca scampanata

E nell’ombra della chiesa
mormorava all’Incoronata
Madonna mia non permettere questo
Madonna mia non permettere questo

Se ne stava e non riusciva a uscire,
Madonna mia non me lo far morire
Madonna mia non me lo far morire
Madonna mia non me lo far morire

Non cantate a Dagarola
non cantate a Dagarola
non cantate a Dagarola
se no vi sparo con la pistola (2)

Non cantate a Dagarola
se no vi sparo con la pistola.
L'acqua chiara alla fontana

E andava all’acqua chiara alla fontana
andava all’acqua chiara alla fortuna
nel fresco camminava
e all’ombra lo incontrò
un cavaliere che le domandò…


E dove andate mai così splendente mia signor
e dove andate mai così da sola
all’acqua voglio andare
andare per specchiar
la veste nuova che mai si sporcò

Ah se potessi bere quell’acqua chiara
ah se potessi berne almeno un’ora
trenta marenghi d’or
vi vorrei regalar
se potessi quest’arsura rinfrescar

Ma io non tengo tazza né bicchiere cavalier
e io non tengo tazza né bicchiere
e l’arsura che vi arde in gola
e che vi asciuga il cuore non vi posso rinfrescar

Ma io non voglio tazza né bicchiere
e io non voglio tazza né boccale
ma questa notte sotto al ciel
nelle vostre braccia io con voi vorrei giacer

E questo non vi posso dire sola, cavalier
e questo non vi posso dir da sola
ma chiederò per voi
il permesso di restar
a chi mi fece adatta a voi piacer

E mamma mamma senti ascolta bene il cavalier
se quello che mi chiede sia da me
trenta marenghi d’or
per il permesso di restar
con lui tutta la notte sotto al ciel.

E fallo figlia mia
tu fai del bene al cavalier
e fallo figlia mia
fallo perché
quei marenghi d’or son la dote che ti dà
la sola dote che ti dà mammà (2)

Strum.

E giunta mezzanotte sospirava il cavalier
e che tenete e che vi affanna e strugge, cavalier
non è che voi piangete le marenghe che mi avete dato
e che per sempre vi han lasciato

No che non piango l’oro, ma il dolore, mia signor
no che non piango l’oro ma il dolor
perché è mattina e ormai
con l’alba me ne andrò
e a giorno fatto qui più non sarò (2)

E che piangete e che vi affanna il cuore, cavalier
e che piangete e che vi affanna invano, cavalier
su questo petto mio se vuoi tu puoi attardar
su questo petto mio ti puoi attardar…
Su questo petto mio sempre potrai attardar
su questo petto mio potrai attardar…
Zompa la rondinella

Figliola che sei nata nel Picone, oi no’
figliola che sei nata nel Picone, oi no’…
Sei battezzata con l’acqua dei pantani
zompa la rondinella e quanto ti voglio amar
ti voglio amar, ti voglio amar ti voglio bene
zompa la rondinella e quanto ti voglio amar


Non voglio amare più Pescatamonte, oi nò
non voglio amare più Pescatamonte, oi nò
Pescatamonte è un cane, cane muzzichente
zompa la rondinella e quanto ti voglio amar
ti voglio amar, ti voglio amar ti voglio bene
zompa la rondinella e quanto ti voglio amar

Non voglio amare più Scarola Riccia, oi nò
non voglio amare più Scarola Riccia, oi nò
Scarola Riccia a me mi fa uscì paccio
zompa la rondinella e quanto ti voglio amar
ti voglio amar, ti voglio amar ti voglio bene
zompa la rondinella e quanto ti voglio amar

Per cogliere le ciliegie ci vuole l’uncino, oi nò
per cogliere le ciliegie ci vuole l’uncino, oi nò
per far l’amore ci vogliono i malandrini
zompa la rondinella e quanto ti voglio amar
ti voglio amar, ti voglio amar ti voglio bene
zompa la rondinella e quanto ti voglio amar

Alla messa non ci vado perché son zoppo, oi nò
alla messa non ci vado perché son zoppo, oi nò
per la cantina me ne scendo piano piano
zompa la rondinella e quanto ti voglio amar
ti voglio amar, ti voglio amar ti voglio bene
zompa la rondinella e quanto ti voglio amar

Ti voglio amar, ti voglio amar ti voglio bene
azzeccati un’altra volta e che ne viene viene
ti voglio amar, ti voglio amar ti voglio bene
azzeccati un’altra volta e diamogli fuoco al treno

Oi Filomena… una piccola fontana quant’acqua mena
oi Filomena… i guai sono i tuoi la mia è la pena
oi Filomena… azzeccati un’altra volta…
Amma appiccià lu tren.
Franceschina la calitrana

A Franceschina la calitrana
la vanno cercando i carbinieri
senza collana e senza sottana
ah quante mosse che sapeva far


Alla stazione di Ruvo-Rapone,
si era fermata la piattina,
e Franceschina la calitrana,
tutte le mosse aveva fatto già

Sotto il ponte di cinque luci,
si sentiva suonare la banda,
e Franceschina aveva perso i comandi,
s’era abbracciata con il capo cantiere,
e l’assistente e l’ingegnere
i manovali mo che stanno a fa’

Alla stazione di Rocchetta,
la comandavano con la bacchetta
e Franceschina la calitrana,
alzava polvere nel cantiere
e l’assistente e l’ingegnere
i manovali stanno sempre là

China China cuore della mamma,
chi te l’ha messa questa collana in ‘ganna,
forse è stato il primo amore,
ma il secondo è più bello ancor
forse è stato il primo amore
capocantiere ora pensaci tu

…Forse è stato il primo amore,
capocantiere ora pensaci tu.
Sonetti

Lo tengo un riganetto e va
va come una banda e te
te ne deve dire tante che
ti devi solo andare ad accovare


Venivo dalla cascina col
cappello girato a lato e la
ragazza mi ero trovato,
una regina la volevo far

Ma hai fatto voltafaccia e me
lo mandi pure a dire, ma
là sotto nel covile
la fatuaria facevi con me…

Come quella che alla pagliara
senza scorno nè vergogna
faceva bene a chi gli abbisogna e la
giberna la fa sfrusciare

O quella di Contraloi che
si è trovata uno zito e
al povero marito notti
a noia gli fa passare

Vicino al forno di Toglia una
vecchia con una patacca
notte e giorno la carne insacca
e senza cotica non può restare

Io ti voglio bene assai ma
tu non te ne hai cura e
io la tengo una paura,
quello che fai tu sola lo sai (2)

Ora è calata la piena e
mi vuole portare lontano e se
se non mi dai la mano
campana a morto deve suonar

La neve alla montagna e
l’inverno si avvicina e
quando vuole essere quando che
faremo due teste in un cuscino (2)

La rosa nel giardino
appassisce e se ne muore e la
la colpa è dell’amore, che
è vicino ma dorme ancor…

Si dispera la fontana che
è tempo e più e non piove
l’acqua la fruscia lontano e
non arriva dove ci vuole (2)

Lo tieni tu un tesoro e
a me non me lo dai e
con gli altri te ne vai
e questo cuore mi piaghi assai (2)

Mannaggia il giorno e l’ora che
da te mi allontanai ora
vorrei tornare ancora, ma
non riesco a tornare mai.
Faccia di corno

Affacciati alla finestra, faccia di corno
che la cornacchia ti deve parlare
di sorbe te l’ha fatta una collana
adesso te la deve pizzicare


Faccia di vipera, faccia serpente
che tu possa andartene pezzente
e bussa e bussa e arrivi fino al mio
e fa che non ci sia, che non ci sia mamma
così la carità te la faccio io

Faccia di limite,
faccia abbattuta
un’ asina ci avevi e l’hai venduta
adesso te ne vai tutta stracciata
in groppa solo a una capra cecata

Faccia di limite, faccia serpente
non tieni dote e ti accontegni tanto
ti vanti e vanti, a panza avantima da casa,
da casa tua se ne escono anche i santi

Oi faccia gialla, faccia ingiallidita
lo so che neanche oggi tu hai mangiato
ti prego fatti un brodo ti conviene
che un poco di colore ti fa bene

Faccia di Cùpa, faccia impallidita
quale quarto di luna ti ha pigliata
sei fatta come fragola marcita
e adesso dal mio cuore
te ne sei uscita
sei fatta come fragola marcita
e dal cuore mio per sempre, deh
te ne sei uscita.
Pettarossa

Pettarossa la puttanazza
fa del bene ai suoi paesani
e per i suoi fianchi di giovinazza
coi forestieri ingasa la mano


Sottoveste ha una schioppetta
e non tiene la sicura
senza mutande s’aiuta di fretta
e della scurìa non si mette paura

Adesso che sei caduta
proprio in mezzo al ginestrale
me lo devi far vedere
dov’è che dici che ti fa male (2)

Statti attenta scioscia mia
questa roba ti fa male
pure se la crosta è dura
entra dentro la natura

Mica son io che ho fatto la crosta
sei tu che non sali a questa costa
e se ti servi a due masserie
arrivi stracco a curare la mia

Peppe le corna si vuole rifare
con le grazie di una comare
ma arrivato guattale guattale
nel panaro ha trovato il compare

Compare svergognato,
guarda qua come mi hai ingrassato
te la sei fatta una mangiata
e la vammana vuole pagata

Gualano che apri la terra
me l’hai rotta la perticara
ti sei fatto buona trivella
adesso sei sazio e puoi crepare (2)

zu zu zu, i tuoi sono i guai
servizi che non vuoi
te ne faccio quanti ne vuoi (2)

L’asino porta la paglia
e l’asino se la raglia
rossi e cani pezzati,
uccidili subito appena nati
uomini bassi e femmine corte,
fai il patto nove volte
non ti fidare mica,
mangia crosta e risparmia mollica
sparagna e comparisci
davanti ti alliscio e dietro ti piscio
il figlio muto lo capisce
solo la mamma che lo nutrisce
quando altro non ce l’hai
ti corichi con chi c’hai
zoppi cecati e rossi
in cielo non vanno questi fessi! (2)
Faccia di corno - L'aggiunta

Mo me ne vengo cantando e suonando
per questa strada facendo rumore
se ne adda addona’ la mamma e l’attana
ecco che è arrivato il traditore…


Riaffacciati alla finestra,
crapa selvaggia
potevi nasce ad un pagliaio di Foggia
come a una cana t’ha morso la raggia
gli innamorati tutti a casa alloggi

M’innamorai di una pertica lunga
quarantanove palmi i piedi avanti
la pieghi tanto che
ne viene un ponte
da sotto può passare il vero amante (3)

Oi faccia, faccia a serpe di canneto
quando cammini ciondoli la capo
ti vanti e tanto dondoli il vestito
ma hai la cassa rotta e il letto sfondato
la cassa rotta e il letto scuffondato

Muso di staccia mia
musso di staccia
pregalo a Dio un lampo che t’appiccia
l’innamorato tuo pure lo saccio
mi pare il porco di
zio mastro Ciccio

Faccia di rupe male situata
terra nera male coltivata
figlia di grano male seminato
faccia di corno, chi ti ha mai pensata

E me l’hai fatto bestemmiare a…
Santo Liborio
patrono dei cornuti volontari
ma adesso dentro me ti sei marcita
e dal cuore mio per sempre
te ne sei uscita
dal cuore mio per sempre
dal cuore mio per sempre
dal cuore mio per sempre…
te ne sei ri-uscita.
Nachecici

adattamento di “I maccheroni” di Matteo Salvatore, Francesco Antonelli e Adriana Fascetti a cura di Vinicio Capossela


Oh… nanachenanachecici’
uh… nanachenanachecici’
uh… nanachenanachecici’
io mò mi muoio (2)

Chi muore muore
chi campa campa
e nu’ piatto di maccaruni cu’ la carna (2)

Giovanotti facete lu giro
nello stile di Ciccio Cavallo,
la botta di giro cavallo
girolè lè là… (2)

Chi muore muore
chi campa campa
e nu’ piatto di maccaruni cu’ la carna (2)

Uh… nanachenanachecici’
uh… nanachenanachecici’
uh… nanachenanachecici’
Io mò mi muoio
Oilì oilà, oilì oilà,
alla fine siamo giovani e vogliamo pazzià
giovanotti facete lu giro
nello stile di Ciccio Cavallo,
la botta di giro cavallo
girolè lè là… (2)

Chi muore muore
chi campa campa
e nu’ piatto di maccaruni cu’ la carna

Nachenanachenanachecici’
nachenanachenanachecici’
nachenanachenanachecici’
Io mo mi muoio (ad libitum)

Chi muore muore
chi campa campa
e nu’ piatto di maccaruni cu’ la carna.
Lu furastiero

Il forestiero dorme stanotte sull’aia
dorme sull’aia
alla frescura (2)


Per coperta ha la raganella
per cuscino
la sacchettola (2)

Il forestiero dorme stanotte sull’aia
dorme sull’aia
dorme sull’aia
il forestiero dorme stanotte sull’aia
Dorme sull’aia
Dorme sicuro.
Rapatatumpa

adattamento di “I proverbi paesani” di Matteo Salvatore, Otello Profazio e Adriana Fascetti a cura di Vinicio Capossela


E s’è inzurato il rosso
e s’è pigliato la rossa
e con una botta di tosse ha fatto nu figlio
con la capa rossa (2)

Trapatatatatatatatumpa trapatatatatumpa ta (2)

Mamma mamma mi muoio mi muoio
figlia mia cosa tieni nel cuore
son tre mesi che sono malata
come se fosse una schioppettata (2)

Trapatatatatatatatumpa trapatatatatumpa ta (2)

Se io non tengo niente
mi mangio la polenta
mi mangio la polenta
prima mi abbotto e poi mi allento (2)

Trapatatatatatatatumpa trapatatatatumpa ta (2)

L’acqua va al mare
la farina va a molinare
chi pecora si fa
il lupo se l’adda magnà (2)

Trapatatatatatatatumpa trapatatatatumpa ta (2)

Aspetta ciuccio mio
quando viene la paglia nuova
hai voglia di arraglià
qua di paglia non ce ne sta (2)
Trapatatatatatatatumpa trapatatatatumpa ta (2)

I guai della pignata
li sa la sua cucchiaia
beato a chi ha da avere
e triste chi ha da da’ (2)
Trapatatatatatatatumpa trapatatatatumpa ta (2)

Quando si zappa e quando si pota
non tengo ziàni e non tengo nipoti
quando è tempo di vendemmià
ziàni di qua e nipoti di là (2)
Trapatatatatatatatumpa trapatatatatumpa ta (2)

La vecchia non vuole morire
il giovane vuole campare
la morte se ne frega
chi tocca tocca l’adda acchiappà (2)
Trapatatatatatatatumpa trapatatatatumpa ta (2)

Mamma mamma son lunghe le ore
acchiappa le mosche che volano al sole
e se il tempo non vuole passà
dopo acchiappate rifalle volà (2)
Trapatatatatatatatumpa trapatatatatumpa ta (4)
La lontananza

Uh uhhh uh uhhhh


E voglio bere senza bicchiere
il carro non va su una ruota sola
e voglio bere senza più bicchiere
il carro non va su una ruota sola

Moglie mia che dormi nel letto
non ti spantare la notte da sola (2)

Pensa allo sposo tuo
che ti consola
lui per te non si prende ricetto

Lui dorme sepolto in un pagliaio
sopra la paglia e quello è il suo letto
dorme sepolto in un pagliaio
sopra la paglia e quello è il suo letto

Una pietra ci ha per suo cuscino
dorme lontano dal tuo cammino
da lontano non ha nessuno
solo i buoi tiene il massaro

Uh uhhh Uh uhhh

Il vento e l’acqua fanno la ruggine
anche la neve la butta il vento (2)

E il suo cuore pare stare all’inferno
la lontananza gli mette paura
e il cuore suo pare stare all’inferno
la lontananza gli mette paura

Uh uhhh uh uhhhhhhhh
La notte è bella da soli

adattamento di “La notte è bella” di Matteo Salvatore e Otello Profazio a cura di Vinicio Capossela


La notte è bella sola sola
a questo paese non ci sta nessuno
si arrabbiano le gatte con i cani
la gatta vince, la gatta vince
si sente lontano lu lupo mannaro
per la paura mi so’ scantato
poi il rumore dell’acqua e delle fontane
m’hanno fatto compagnia
poi il rumore dell’acqua e delle fontane
m’hanno fatto compagnia

La notte è bella sola sola
la notte è bella sola sola…
La bestia del grano

Uhss piglia la bestia nel grano!
Uhss caccia la bestia dal grano! Aèhh! Uuhh!
Uhss piglia la bestia nel grano!
Uhss caccia la bestia dal grano! Aèhh!


Lega la bestia alla fascina,
che paghi pena per la rovina
stringila forte, stringila bene
legala all’ultimo covone,
paghi il pegno per la stagione! Aèhh! Aèhh!

Falcia falcia mietitore,
urla col fiato che hai in corpo
che chi urla è ancora dei vivi
che chi urla non è morto! Aèhh! Aèhh!

È volpe? È gufo? È quaglia? È lupo?
Ondeggia nel grano…
Ondeggia nel grano…
È lepre? È oca? È lupo?
Ondeggia nel grano…
Ondeggia nel grano…

Ondeggia nel manto d’oro,
nascosta al bacio del sole,
corre dentro il granone…

Taglia la testa alla bestia nel grano!
Legala alla fascina
è l’ultimo covone
paghi pena per la stagione… Aèhh!
Che ritorni ancora il raccolto
che rifiorisca ora che è morto!

È l’ora della controra…
L’ora della controra…
Il sole si è fatto nero,
il sonno si prende tutto
è l’ora della controra…
Che svuota la volontà,
che riempie di accidia e di voluttà
che apre la porta al mondo di là
nell’ora della controra…
Urla forte mietitore,
urla forte che scacci la morte…

Kuta kuta kuta kutà… Vicc’ vicc’… Yuuhh! ( versi animali)
Uhss piglia la bestia nel grano!
Uhss caccia la bestia dal grano! Aèhh! (2)

Lo prenda chi resta indietro,
prenda il covone della colpa,
il mietitore del misfatto
prenda la colpa del campo distrutto! Aèhh!

Coglie la vita la falce,
anche la terra si veste a lutto,
la morte si prende il seme,
se lo prende nel mondo di sotto! Aèhh!! Aèhh!

Che ritorni la vita nel grano,
che ritorni da dove si è tolta! Aèhh! Aèhh!
Uhss piglia la bestia nel grano…
Caccia caccia la bestia dal grano… Aèhh!

È volpe? È gallo? È lepre? È lupo?
Ondeggia nel grano…
Ondeggia nel grano…
È oca? È quaglia? È lupo?
Ondeggia nel grano…
Ondeggia nel grano…
Ondeggia nel grano…
Ondeggia nel grano…

E’ l’ora della controra…
L’ora della controra…
Del demone meridiano,
quando la vita fugge di mano
è l’ora del mezzogiorno
che vivi e morti mescola intorno
l’anima scomparisce,
come dai piedi è scomparsa l’ombra
se ne è andata da sopra la terra
nell’ora della controra…
Urla forte mietitore…
Che sei dei vivi e non sei dei morti!
Scorza di mulo

Per caricare, legna sul mulo
per bestemmiare, l’asino e la paglia
per scappare, zoccoli e cavallo


Il mulo bestemmiato ha il pelo più lucido
il nervo del bastone, gli rinfresca la schiena
il mulo malavaso raddrizza la casa

Legna sulla varda, scorza di mulo
avanzan nella notte, nera di carbone
ladri di bosco, sulla costa a monte
cuciono la terra con l’ago dello zoccolo

Due fili intrecciati, tengono più di uno
due vite messe assieme, reggono alla frana
per quanto è scura è la notte
alla paglia deve tornare il mulo

Uhhh… Uhhh…

Consiglio di volpi, schiamazzo di galline
piove con il sole, il diavolo fa l’amore
lo fa con la sua donna, che lo tiene per le corna

Degli uccelli della notte non valgono le penne
il volo di cuccuvascia è il volo del presagio
i guai sono infiniti e quando è l’ora muori

Il tesoro di San Zaccarìa nessuno l’ha trovato
di notte va cercato, ma poi si prende l’anima
il sentiero della Cùpa
l’ha costruito il diavolo in una notte sola

Capriccio di donna, raglio di mulo
il cane morde addosso a quello più stracciato
l’acqua piove sempre dove è più bagnato

Caricati un fiume in varda e catene
dormigli nel letto, svuotalo nel seno
il toro d’acqua non dice,
quando ti annega con la piena

L’acqua più stretta è quella più profonda
la larga di fianchi, lo zoccolo la guada
allungati la strada, e tornatene a casa!

Uhhh… Uhhh!

Per caricare, legna sul mulo
per bestemmiare, l’asino e la paglia
per scappare, zoccoli e cavallo

L’asino sa sempre, la più corta via di casa
la coda cancella i passi, dall’ombra della strada
l’asino si sferra quando muore.
Il pumminale

Nella notte di luna mastro Giuseppe è uscito di casa
la luna gli ha mandato il richiamo del Pumminale
ha lasciato la moglie e la figlia
e ogni cosa che porta a ragione
ha lasciato il dovere da fare
le ha lasciate al richiamo dell’Ade
se ne è andato nelle malestrade


In una fonte di rovi
si è incontrato col suo demonio
stava nel trivio di un crocicchio
la carne sanizza e il volto rubizzo
il vizio arrossava le gote:
era la Sua Salute

Che sempre è stata uccellara
e spande in giro lo sguardo di bragia
lo getta come un richiamo
e perciò la chiamano la Cuccuvascia

Nella luce di luna… Nella luce di luna… Nella luce di luna

Ha buttato le mani per dentro
tutto quello che ci ha trovato
e per fare serata s’è tenuto pure la crapa
ha cacciato le unghia tremanti
ha cacciato la lingua dai denti
ha sputato da dentro i lombi
il seme che concima la terra
e che gli premeva nelle cervella

Ha cacciato fuori gli artigli
e le zanne di due spanne
come un gattone senza l’amore
s’è buttato nel fiore di carne

Nella luce di luna… Nella luce di luna… Nella luce di luna…

E mentre tornava nel bosco
ha incontrato le sei masciare
caro mastro Giuseppe,
se eravamo sei ora siamo sette,
se me ne esco da queste botte
non esco più a vagare la notte
se me ne esco da queste botte
non esco a fare il porco di notte…

Nella notte di luna… Nella luce di luna… Nella luce di luna…

E tutto gli pare sognato
quando a mattina si è ritirato
una crepa nel mondo ha lasciato
una febbre si è portato
e allora più che a Natale,
ha capito il male del Pumminale
il lupercio mannaro di dentro
che la notte non lascia stare
che, invece di lupo,
l’ha trasformato in porco maiale…

Nella luce di luna… Nella luce di luna…

Se hai un demone dagli un nome
non scappare, non lo rinnegare
se hai un diavolo dagli un nome
battezzalo e fallo compare

Sulla via piena d’intoppi trovi la Madonna che fa le toppe
sulla via bella e liscia trovi il diavolo che piscia.

Nella notte di luna… Nella luce di luna… Nella luce di luna…
Nella luce di luna… Nella luce di luna… Nella luce di luna…
Le creature della Cupa

Non seguire il sentiero della Cupa
che piccola è, ma si fa pesante
ha la faccia di bambina
ma gli occhi di fiamma, fiammeggiante


Se l’abbracci vicina vicina
ti scioglie le gambe e più non cammini
ma non chiedere aiuto
se lo dici non sarai creduto

E non ti affacciare la notte nel pozzo
dentro nascosto sta il Maranchino
a dispetto se ne sta nel letto
ti rode la testa e non ti fa dormire

È una creatura della Cupa
che piccola è ma ti fiacca le braccia
come l’amore diventa pesante a sollevarla
e portarla in braccio

Sono le creature della Cupa,
ti guardan la notte da dentro un pertuso
ma non le puoi vedere né toccare
ma loro vedono, e toccano te…

Sali di corsa sul crinale
senti il verso del Pumminale
si sporca nel fango della trasonna
per tutta la notte di Natale

Il Mazzamauriello svuota i bicchieri
sposta le sedie e nasconde le cose
niente in casa ti fa trovare
e riempie il soffitto di ogni rumore

E la Malaombra ti può rapire
ti blocca il respiro e ti pesa sul petto
ti avvolge di spire e ti leva la voce
e poi ti lega a un tronco di noce

E lì volano le Masciare,
ti guastan le ossa e attaccano al tetto…

Non ti affacciare a vederle passare
per fare grasso ti posson bollire
lo spalmano nude, e come le gatte
dei loro versi riempiono la notte

E se per caso ti prende il lupo
ha il buco nel sacco e ti lascia andare,
ti lascia andare ma non tornare
a come eri prima non sarai uguale

Una parte se n’è sparita,
se n’è andata col Pumminale
col carrozzone delle creature
che chiedono vita e non vogliono cura,
e non vogliono cura

Sono le creature della Cupa
da uno solo si fanno guardare
che nessuno mai poi possa dire
se sono reali, o del mondo del vero

L’impiccato dondola e ciondola
sull’intavolato l’han messo a vegliare
l’albero che regge il mondo
lo sega di notte il Pumminale

Ma non ti sega di notte la naca
dentro la culla non hai da temere
è una culla di rovi, chi ti vuol male
non può avvicinare,
non può avvicinare.

Se ne stanno tutte di là,
al mondo de la Verità…

La Verità.
La notte di San Giovanni

Su una trave accesa di fuoco
vagano in cielo senza riposo
vagano al grido dall’ultimo fiato
uscito dal collo del decollato
vagano al vento spinte dal Santo
che perse la testa per quell’incanto


Perse la testa Erode il Re
perse la testa per una danza
perse la testa Erode il Re
e un’altra testa volle per se

Ora le ragazze pure di cuore
ancora sentono le parole
delle ombre nel vacile
dentro l’acqua continuare a dire

Mamma mamma perché lo chiedesti
e tu figlia perché lo facesti?
Chiedesti la testa di San Giovanni
ora mamma che brutti affanni

Nelle fiamme giriamo in tondo
giriamo in tondo per tutto il mondo
nelle fiamme giriamo in tondo
mai verrà la fine del mondo?

Potremo bruciare per tutto quel giorno
sprofondare senza ritorno
potremo danzare per tutto l’inferno
che sempre la danza porta a quel giorno

Mamma mamma perché lo chiedesti
e tu figlia perché lo facesti?
Chiedesti la testa di San Giovanni
ora mamma che brutti affanni

La chiedesti tagliata dal collo
la chiedesti servita su un piatto
figlia ballasti tutta la notte
perché quella testa cadesse mozza

Figlia facesti tutte le mosse
dentro al ventre ruotasti le ossa
gli arrossasti di voglia le guance
gli arrossasti la voglia nel sangue

E ora bruciamo per tutto quel giorno
sprofondiamo senza ritorno
nella grazia che porta all’inferno
danzeremo bruciando nel vento
fino a essere polvere e cenere…

Ora le ragazze per San Giovanni
chiedono al fuoco di svelare gli inganni
chiedono al cardo chiedono al piombo
chi avranno un giorno per compagno intorno
e anche le crude Masciare,
questa notte vogliono volare
e ognuno indaga nel cielo
qualche segno dal mondo del vero

Ma il futuro è scritto nel fuoco
ed è bruciare interi quel giorno
vedere una testa che brilla nel sole
vederla crescere e poi cadere
vedere il sangue bollire nell’oro
battezzati al fuoco d’inferno
che sempre brucia acceso di dentro
bruciare nell’aria spersi nel vento
per essere Spirito e Polvere e Cenere
di ossa senza una fossa

Ora le ragazze per San Giovanni
chiedono al dito chi sarà il marito
chiedono al cardo esposto nell’alba,
nella luce fuori dalla stanza
la mattina nel sole che avanza,
se fiorisce, fiorisce la speranza.
L'angelo della luce

All’angelo devi andare,
se non da vivo ci vai da morto
all’angelo devi arrivare,
nella grotta che schiaccia il male
tra i vagabondi, vagamundi,
schiuma dell’umanità.
La conchiglia sul cappello,
per terra vagan la Terra
nella torcia portan la luce
e dentro al cuore l’oscurità


Avvolti nella pelle,
dormono sulla terra
nel grembo dei sepolcri,
nel letto delle rovine
flottano per il Tempo
finché non verrà la fine…

Tra i vagabondi vagamundi,
schiuma dell’umanità
accappanti, accapponi,
affarinati, falsi malati.
Abbianti, accattosi,
limosinanti simulati.
Sacerdoti, alacerbanti,
affamiglioli, vergognosi.
Perdonatori, venditori,
medicastri, guaritori.
Affarfanti, alacrimanti,
apezzenti, testatori.
Alla questua portan la croce
e guai a chi non gliene da
Nel cappello rovescian la croce
e nel falso la Verità.

Santo Michele di Monte a guidarci pensaci tu.
Michele arcangelo mio a te ti affido la morte mia,
e se non ci vediamo più, in paradiso portaci tu.

Col dito nel vapore scrivo
e ti affido l’immagine mia,
esci camminando all’indietro
per non dare le spalle alla luce,
dalla grotta esci all’indietro
pure se il miracolo non l’hai avuto.

L’angelo della luce
è caduto di testa in giù.
Il cielo si è rovesciato,
il mondo l’ha conosciuto.
Il male lo ha calpestato
e con il piede è rimasto impigliato.

L’arcangelo della luce
è volato di testa in giù
si è sporcato dentro alla vita,
e le ali non volano più…

La grazia l’ha portata,
l’ha donata a chi non ne ha
la grazia l’ha portata,
la sola grazia la carità:
Dar da bere agli assetati,
visitare i carcerati,
seppellire agli ammazzati,
rivestire gli ammalati.
Dare a mangiare agli affamati
e a me non c’è chi me ne dà.

Col dito nel vapore,
ti ho affidato l’immagine mia.
Tra il niente che c’era prima
e il nulla che verrà dopo,
la vita mi sono sognato
e dentro al sogno te l’ho affidata
tra i vagabondi vagamundi,
schiuma de l’umanità
tra i consumieri, consumati,
raggruppati, artificiati,
rintruppati, ammassonati,
rivestiti, implasticati,
feccia de l’umanità,
tramonto de l’umanità.

Santo Michele di monte a te ti affido l’anima mia
e se non ci vediamo più, in paradiso portaci tu,
portaci tu, portaci tu, portaci tu, portaci tu.
Componidori

Vestitelo Massaieddas
a terra non deve toccare
un Dio ne dobbiamo fare
per tutto il giorno di carnevale


Ha la maschera di luna
e il cavallo guarnito di fiori
deve sfidare la fortuna
per questo egli è il Componidori
Componidori… Componidori… Componidori…

La fortuna è fatta a stella
nella giostra della Sartiglia
e nel colpo del suo stocco
tutto il raccolto l’abbiamo messo

E quando esce finalmente
nella folla della gente
un Dio lo vedono e un Dio si sente
un Dio lo vedono e un Dio si sente (2)
Componidori… Componidori… Componidori…

Svestitelo Massaieddas
a terra può ritornare
la maschera gli fa male
e muore dalla voglia di pisciare.

Ora è tornato normale
e sui suoi piedi può camminare
le ragazze le può toccare
le botti di vino le può svuotare
che è meglio fottere che comandare.

Le ragazze le può baciare,
le botti di vino le può svuotare,
che è meglio fottere che comandare.
Componidori… Componidori… Componidori…

Strumentale. Trombe.

Prendetelo Massaieddas
a terra l’hanno trovato
col cilindro schiacciato di lato
e in volto la maschera di un beato.
Ora che la festa è finita
e se ne è andata con lei la vita,
in faccia gli è restata
appiccicata la mascherata
di venti teglie di zuppa cuvata
quaranta mestoli di vernaccia
di spiedini di carne da caccia
di porcetti e di uccelletti
di abbardente e di amaretti
e dei ventitrè quintali di vino

E così è finito il destino
il destino di Carnevale
che tutti gli anni deve crepare,
il destino di Carnevale
che tutti gli anni deve crepare…

Componidori… Componidori…
Componidori… Componidori…

Componidori…
Il bene mio

Va’ lu bene mio
corre a mamma tua
mo tu sei l’amore
bella mia


Io ti volevo bene
e te ne voglio ancora
tu ora sei l’amore
bella mia, bella mia

Se la casa tua non vuole
noi ce ne fujamo soli
ci diamo l’appuntamento
bella mia, bella mia

Va’ il bene mio
corre a notte e buio
tu ora sei l’amore
bella mia, bella mia.
Il bene mio

Va’ lu bene mio
corre a mamma tua
mo tu sei l’amore
bella mia


Io ti volevo bene
e te ne voglio ancora
tu ora sei l’amore
bella mia, bella mia

Se la casa tua non vuole
noi ce ne fujamo soli
ci diamo l’appuntamento
bella mia, bella mia

Va’ il bene mio
corre a notte e buio
tu ora sei l’amore
bella mia, bella mia.
Maddalena la castellana

testo Canio Vallario, Vinicio Capossela – musica Vinicio Capossela


Maddalena la castellana
se lo sentiva giocare in seno
a Cecchina ha cercato consiglio
e adesso com’è che bisogna fare?
a Cecchina ha cercato consiglio
e la foggiana si deve chiamare

La foggiana che con segreto
li combina tutti gli intrugli
la foggiana che con segreto
li risolve tutti i garbugli
e che mette tutti a subbuglio
e mai indietro fa ritornare (2)

Che dolore, che tremore
non c’è posto più dove stare
che dolore che tremore
anche i reni le fanno male
e il sudore le scende a canali
e non ha più posto dove stare (2)

Mamma mamma quando lo incontrai
mi credevo mettesse in trono
me l’ha messo questo centrone
grosso assai e mi fa penar (2)

Maddalena la castellana
la foggiana ha dovuto chiamare
quello che aveva le ha tolto di corpo
con l’uncino della sua mano

E l’animella ha gettato per terra
per l’abbraccio della scodella
l’animella ha gettato sul ciglio
nel letto del fango vermiglio
l’animella ha gettato del figlio
dentro il letto del fango vermiglio
e così se ne è andato l’imbroglio
assieme alla fregola del coniglio
E così è finito l’imbroglio
assieme alla fregola del coniglio.
Lo sposalizio di Maloservizio

Le masciare la notte di nozze
fecero un trucco a Maloservizio,
proprio nel giorno di sposalizio
gli filarono un brutto servizio
un filo di mala magia
lo stesero lungo la via


A Maloservizio che per suo vizio
mai lo fece un buono servizio
mai la notte si prese riposo
mai d’invidia si fece geloso
tutta la vita ballò e cantò
e presto a casa mai si ritirò

Un filo lungo come la notte
gli filarono lungo le grotte
come la paglia dello straniscio
glielo stesero vico a vico
lo passarono a tutte le porte
Il filo della magia a morte…

Barbaje barbaje… Rucche rucche e barbajè…

Lo straniscio che il riso arraglia
e sporca la zita con la paglia
se prima ha commesso sbaglio
se prima ha concesso errore

se qualcuno là si è voluto
se qualcuno lì c’è passato,
se qualcuno già si è frecato
il piatto sul letto conzato

Ma a Maloservizio invece che paglia
stesero il filo che Lachesi taglia
le parche masciare pazze
nel giorno delle cannazze,
proprio nel giorno del suo vanto,
gli legarono il filo d’incanto
lo stesero dalla porta
al cancello del camposanto

Barbaje barbaje… Rucche rucche e barbajè…

Glielo fecero tutto dorato
come l’anello che si era infilato
tanto lungo era il filo che lega
come la coda di una cometa
tanto lungo glielo si stese
toccò i punti di ogni paese

E girò lungo i convitati,
tutti avvolti, arravogliati
stretti assieme agli accappanti,
ai Santi Martiri del Ricreo
stretti nelle zagarelle,
passò a tutti sotto la pelle
come lo spago della vrasciola
li legò attorno alla spola

Sull’intavolato Grannaneta soffia nel zuchete zu’
e Sticchio coi biscotti intona la cassa con il duebotte.
La chitarra l’ha fatta a buffetta
l’ha riempita di vrasciole
su quella cuccagna bussa
è attrezzato come la Russia.
Spinge il mantice Suonatore, spinge il mantice per dieci ore
una collana di savezicchie e una corona di baccalà…

E il filo legò insieme chi nella busta mette un santino
con quello che assieme al bene ci mette
il sangue delle vene.
Legò tutti dentro al ballo
per ingoiare la zita
i villani con i gualani, e i campesi forestieri
i coppoloni di paese e quelli sparsi nel polo nord e…

gli Andrettesi carnacchiari,
con i culirossi Bisazzari,
e i dirupa Santi di Carbonara,
con i Conzani sponzaruospi, acconzabilance, trippitosti
i Guardiesi ciandottieri, ciangoloni, coppoloni
con i Lacedonesi… zingari e viccifatui
i Santandriani scorcia cani, getta cantari e suona campane
i Santangiolesi strazzaguanti, scorcia ciucci e mangia patane
gli omicidianti di Teora, scava morti e cardatori
con i Morresi mancinagli, mangia trippe, spenditori
e i facciascialina di Monteverde
e tutti insieme se li legò coi…
i fornaciali, ‘mbriaconi,
sonacampane e mali cristiani
menaprete, cuore di cani…
i pacci Calitrani
che si vendono pure l’asino per comprarsi il zuchete zu…
che si vendono pure l’anima per comprarsi il zuchete zu…

Così il filo delle masciare
è passato per ogni banda,
è passato attorno alla zita,
è passato tutta la vita,
è passato di mano in mano
finchè la festa non è finita

È bruciato come un lampo
in ogni vizio di Maloservizio
che nella tempesta della festa
si è frecato pure la morte
assieme a tutta la torta
coi Santi Martirio del Ricreo
dalla naca che lo creò
al dovere che lo sposò
dalla sala di sposalizio
al cancello del Camposanto.

Barbaje barbaje… Rucche rucche e barbajè…

Bella non piangere…

Se Liberto mi dà la figlia…
Io me la piglio io me la piglio
Se Liberto mi da la moglie…
Io non la voglio io non la voglio… (2)

Io non la voglio io non la voglio…
Io non la voglio io non la vo’…
Il lutto della sposa

Tu te ne vai, sorella mia, tu te ne vai…
il velo corre assieme ai cani
dietro alla macchina che parte


Domani vai sorella mia domani vai
e non sarai domani, non sarai di noi
il velo è bianco a fiori fuori
ma dentro è nero e denso
di quello che non saremo più

Un’altra vita viene ora
ma io piango quella che ci muore osci
Statti buono, statti buono…

Ti ha preso con un destriero bianco
e con un canto amante
e una chitarra a corde di diamante

E sarai madre, e sarai moglie e sarai sola
non giocherai più rotolando nella vita
non ungerai la mano al piatto assieme a noi

Il tuo sorriso non sarà qui nella casa
domani vai o figlia cara, te ne vai…

È duro dirlo, è così duro essere felici
il velo è bianco e dentro è nero
è il prezzo per la nuova vita
morire a quella che ci muore osci…

Domani sarà festa,
ma oggi è nel lutto che piangiamo.
Il treno

Il treno è arrivato una mattina
col fumo nero della notte prima
la sirena il richiamo ha tirato
e tutto il paese giù si è buttato.


Per primo è partito lo stracciato
da quella casa sua nera di fumo
infine se n’è andato Mandarino
con tutte le sementi del magazzino

Quelli del Castello sono scesi
uniti a quelli della Pagliaia
e tutta la vallata se n’è andata
e neanche una gallina l’hanno lasciata.

Il paese se n’è andato una mattina
senza un avviso senza cartolina
come una mandria buttati fuori,
uomini, cani, sorelle e fiori
come una mandria buttati fuori,
uomini, cani, sorelle e fiori

Le loro chiacchiere le hanno inchiodate
sulle bocche mute delle porte chiuse
e le finestre abbandonate
come occhi neri sono restate.

Il Sonnoso è arrivato in ritardo
per ultimo ha gettato indietro lo sguardo
poi con la valigia ha fermato il treno,
“Fermi aspettatemi se no mi meno”.

E così se n’è andato Tavolone
che lo faceva sul tavolaccio
con Peppe Nacca, Breccia e Piscone
se ne sono partiti tutti sottobraccio

Pure il diavolo hanno preso le Masciare
l’hanno preso e avvolto nel grembiale
e con il demonio così ingarbugliato
l’arco degli zingari hanno lasciato.

Uh uhhhh

E hanno lasciato i rami ritorti,
la luna nuova e le croci dei morti
i campi anneriti e le masserie
tutto si è preso la ferrovia.

Una scanata rotonda di pane
Vituccio in braccio se l’è portata
poi tutta se l’è tutta abbracciata
e per una settimana se l’è mangiata
e tutta se l’è, tutta abbracciata
e per una settimana se l’è mangiata…

Come una rosa, come una spina,
come una fortuna, come una rovina
quello che avevo ora se n’è andato,
quello che viene non è trovato
e se la vita mi viene addosso
con questo treno così la pena
così com’ero, restar non posso
quello che sono mi porto addosso,
quello che sono mi porto addosso.

Uh uhhhhh

Il treno è arrivato una mattina
come un uccello dalla collina
sui binari ha aperto le ali
e dentro il petto se li è portati.

E lontano lontano all’orizzonte
uno schermo gli è apparso lontano di fronte
e tremava di luce e bagliore
la visione del grande televisore.

E lontani li inghiottiva lontani
come il conforto dell’ultimo porto
e lontano gli vegliava dall’aia
la canizie della vecchiaia
e lontano gli vegliava dall’aia
la canizie della vecchiaia

Come una rosa, come una spina,
come una fortuna, come una rovina
quello che avevo ora se n’è andato,
quello che viene non è trovato
e se la vita mi viene addosso
con questo treno così la pena
così com’ero, restar non posso
quello che sono mi porto addosso,
quello che sono mi porto addosso.

Uh uhhhhh