Vinicio Capossela | La forza del destino. Odissea musicale di Vinicio Capossela – Verona, Teatro Romano 3 giugno 2017
54832
post-template-default,single,single-post,postid-54832,single-format-standard,eltd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,vinicio_cupa01-ver-1.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive

La forza del destino. Odissea musicale di Vinicio Capossela – Verona, Teatro Romano 3 giugno 2017

La storia dell’Odissea musicale di Vinicio Capossela raccontata da lui medesimo, passando per corali liriche, pensioni, piano bar, teatri d’opera, Fitzcarraldo, Michelangelo, sirene, Itaca, tempeste e balene alla conquista dell’inutile. A bordo di un pianoforte a vela, accompagnato da una ciurma di archi barocchi, di cacciatori di fantasmi e intermezzato da un coro lirico verdiano, per avvicinare l’opera alla vita, nella convinzione che la “Forza del Destino” è come la coda della balena, si comprende solo quando è appena passata.

“Questo spettacolo prende avvio da quello tenuto al Teatro Farnese di Parma, lo scorso ottobre, ma non ne è la riproposizione, piuttosto la rivincita. Se Parma fu il mio primissimo luogo – quello dei concepimenti – Verona fu il secondo, quello delle prove sul campo. Quello del primo concerto al leggendario “Il Posto”, quello delle costole delle balene e delle sirene, quello della ferita inferta dalla Bellezza e del suo lenimento.                                                                    Il melodramma, nella città dell’Arena, è uno sfondo, un contrappunto al dramma in canzoni. Ognuno ha la sua Odissea.

Odisseo guadagna il ritorno cantando come un aedo. Del suo canto la beltà seduce, la verità convince. Noi col canto cercheremo di guadagnare il viaggio, sorretti dalle rovine. La struggente bellezza delle rovine in una notte speciale: il teatro romano contro la notte dei campioni. Si rovineranno entrambi.”

V.

Musicisti e strumenti:

Enrico Lazzarini  – contrabbasso
Raffaele Tiseo – violino I e viola d’amore
Paola Beziza – violino II
Rosa Helena Ippolito – viole da gamba
Marco Casonato – viola da gamba e violoncello
Vincenzo Vasi – campioni, theremin, percussioni
Peppe Leone – tamburi a cornice
Direttore musicale: Stefano Nanni (armonium)
Ospite: Federico Maria Sardelli (flauti)
Elementi scenografici: Christopher Dallimore Mallaby
Coro dell’Accademia Superiore di Canto di Verona: Sonia Peruzzo, Melissa Purnell, Elisa Bonazzi, Ilaria Ribezzi, Gianluca Moro, Marco Tomasoni, Andrea Cortese, Gigi Pirovano
Maestro preparatore: Matteo Salvemini
Testi, racconto e canzoni di Vinicio Capossela

Brani tratti da:

Verdi  (Il Trovatore, La Traviata, Rigoletto, La Forza del Destino, Otello, Requiem)
Puccini  (Madama Butterfly)
Haendel  (Rinaldo)